Uno sguardo sul mondo della birra: produzione e consumo

Rispetto a quanto accaduto in Italia, in Europa la produzione di birra ha mostrato nel 2011 un andamento assai meno dinamico: il totale si è attestato su 391.071.000 ettolitri, pari al +1,1% rispetto al 2010, senza riuscire neppure a riguadagnare i valori segnati nel 2009 e, a maggior ragione, quelli record del 2007, anno in cui la produzione aveva toccato 415.438.000 di ettolitri. Come dire che mancano all’appello quasi 25 milioni di ettolitri. Nella graduatoria europea l’Italia consolida la propria decima posizione, con il 3,4% della produzione.

In merito al confronto fra l’andamento dei consumi in Italia e in Europa, si nota che nel 2011 la media dei consumi di birra nei Paesi del Vecchio Continente si è attestata sui 72,4 litri pro capite, il +3,6% rispetto al 2010, al termine di un quinquennio che ha confermato per grandi linee il trend registrato nel nostro Paese.

Tuttavia, il gap fra i consumi italiani e quelli europei, che nel 2010 era di 41,3 litri (28,6 contro 69,9), nel 2011 è salito a 43,4 litri. Confermando il nostro Paese all’ultimo posto nella classifica dei consumi di birra, con un valore che è appena il 40% della media europea e da tre a cinque volte inferiore a quello dei Paesi in testa alla graduatoria: Repubblica Ceca (154 litri pro capite), Belgio (145), Austria (108) e Germania (107).

 

Fonte: Annual Report AssoBirra 2012