Intervista al Beerlover Giovanni Solone, AKA Gioxx

 

Noi del team di ILoveBeer.it, abbiamo incontrato Giovani Solone, AKA Gioxx: un patito di tecnologia, web e storie di vita vissuta. Classe 1985, calabrese, trasferitosi a Ravenna nel 2001, oggi a Milano per lavoro (dove fa il system administrator). Abbiamo scoperto che è anche un Beerlover. Gli abbiamo rivolto alcune domande sulla birra:

·         Se ti dico birra, qual è la prima cosa alla quale pensi?

Estate, fresco, amici e potrei andare avanti ancora un po' :-)

·         Che genere di Beerlover sei?

Occasionale, di gusti non troppo complicati, sempre pronto ad assaggiare nuove birre di qualsiasi provenienza pur di aumentare il "bagaglio culturale" in tal senso. Adoro condividere il momento della birra con gli amici, difficilmente bevo da solo. In ogni caso preferisco farlo sempre in compagnia, magari sostituendo il classico aperitivo con un giro sul Naviglio Grande con tappa BQ e un pezzo di focaccia tra le mani :-)

·         In quali occasioni ti capita di bere birra?

Le più disparate. Un'uscita con gli amici, una festa, comodamente seduti a tavola, magari durante un pasto abbondante con ‘il mio vecchio’. Le occasioni per stappare una birra non mancano mai!   

·         Birra e cibo. Ci hai mai pensato?

Per forza. Nonostante l'Italia sia un paese basato fortemente sul vino penso che la birra sia una delle bevande chiave per la fascia d'età più giovane (e non, fortunatamente per molti). E' buona da bere ma è altrettanto buona come ingrediente in cucina. Primi, secondi, creme e dolci che possono contenerla. Adoro il risotto alla birra che ho scoperto e iniziato a mangiare in Veneto qualche anno fa ormai, con la bottiglia messa in mezzo alla pirofila e stappata solo in tavola, per far uscire la schiuma e la stessa birra fuori e bagnare il risotto caldo giusto qualche attimo prima di essere impiattato e mangiato, pura libidine!
 

·         Puoi raccontarci un aneddoto divertente legato alla birra?

Ce l'ho, più che un aneddoto è "True Story" :-D . Da anni ormai la mia comitiva ha una tradizione che -volenti o nolenti- rispettiamo per amicizia. Il compleanno di uno di questi amici deve essere celebrato con un fine settimana a base di birra e cibo (con la birra come ingrediente), in una località scelta dall’amico festeggiato. Una tre giorni in cui dimentichiamo qualsiasi altro impegno o problema. Vedi che la birra alla fine dei conti fa bene alla salute e allo spirito?

(sì lo so, ho dimenticato di includere il "Bevi responsabilmente" da qualche parte, ma siamo talmente bravi ragazzi che prendiamo generalmente l'albergo qualche passo più in là. Perché se bevi, non guidi).