Una birra e una caverna

I beer places più profondi del pianeta sono situati in antri che a volte si trovano a decine di metri di profondità nel sottosuolo, altri in cavità scavate in scogliere a picco sul mare

Bere birra è sempre un’esperienza piacevole (se lo si fa responsabilmente). Ma ci sono luoghi nei quali diventa un’esperienza addirittura unica: sono i ‘beer places’ più profondi del pianeta, situati in grotte a decine di metri di profondità nel sottosuolo, altre volte in cavità che si affacciano a strapiombo sul mare, altre ancora in caverne utilizzate dall’uomo da secoli. Luoghi nei quali il sapore di antiche storie e leggende si mischia al gusto della birra, creando un’atmosfera particolare.

Il Cave Bar More a Dubrovnik, in Croazia. La grotta è stata scoperta durante la costruzione di un hotel di lusso, ed è stata sfruttata per costruirvi un bar da 60 posti circondato da stalattiti e stalagmiti. Ulteriore particolarità di questa struttura (raggiungibile attraverso un tunnel oppure mediante un ascensore dall’hotel) è che l’albergo sovrastante si affaccia direttamente sulle onde del mare Adriatico. La specialità del Cave Bar More è la Ožujsko Limun, una birra speciale aromatizzata al limone.

http://cavebar-more.com

L’Imagine Punta Cana nella Repubblica Dominicana. Una vera e propria discoteca scavata nella roccia del sottosuolo, con le mura di un castello come porta d’ingresso: è una delle location più esclusive (e costose) di tutto il Paese caraibico. In ognuna delle grotte (chiamate Universe, Electro, Latin e Chill) si possono ascoltare diversi generi musicali. E nella Chill, la più esclusiva delle quattro, si trova il bar VIP, dove gustarsi una birra nel massimo relax con musica ambient godendosi lo spettacolo delle rocce illuminate da un sapiente light design.

http://imaginepuntacana.com/

Il Cave Bar a Petra, in Giordania. A Petra, città della Giordania dichiarata patrimonio dell’umanità dall’Unesco per le sue meraviglie architettoniche intagliate nella roccia, sorge un bar del tutto particolare. Perché il Cave Bar, come suggerisce il nome, si trova all’interno di una caverna nel complesso del Petra Guest House. Il Cave bar è una struttura intagliata nella roccia durante il periodo nabateo (che va dal VI secolo a.C. al 106 d.C.), e gode di una luce del tutto particolare.

http://www.guesthouse-petra.com

The Cave Pub a Gravina in Puglia. Il locale sorge su un’antica caverna proprio nel pieno centro storico della città pugliese, nota per le sue innumerevoli grotte e le costruzioni scavate nel tufo.

http://www.thecavepub.it/

Il Cova d’en Xoroi a Minorca. Il locale è una discoteca ricavata all’interno di una grotta naturale a strapiombo sul mare. Il nome deriva da una leggenda locale che narra di un uomo, Xoroi, che si rifugiò in una grotta dalla quale compiva scorribande nelle zone vicine, arrivando a rapire una ragazza e a portarla con lui nel proprio covo facendone sua moglie. All’interno della discoteca il posto più esclusivo è senza dubbio il bar vip, direttamente all’interno dell’antro anticamente utilizzato da Xoroi.

http://www.covadenxoroi.com

Ali Barbour’s Cave Restaurant in Kenya. La grotta, che si è formata tra i 180mila e i 120mila anni fa, è stata convertita trent’anni fa in un pub-ristorante a George e Jackie Barbour. Le camere che compongono la caverna sono diverse, e vanno dal livello del suolo a 10 metri di profondità; la loro particolarità è quella di avere il soffitto aperto, che consente di ammirare il cielo notturno.

http://www.alibarbours.co

Jameos del Agua Restaurante a Lanzarote. Il bar-ristorante è ricavato all’interno di una delle tre  grotte create sull’isola spagnola di Lanzarote dalle antiche eruzioni del Vulcano della Corona. Il tunnel vulcanico, lungo ben sei chilometri, è uno dei maggiori del mondo.

http://www.centrosturisticos.com/centros/CENTROS/published_es/DEFAULT/node_2037.html

Testo a cura di Gaetano Belloni